Ginnastica: Intervista al presidente David Francescangeli sul Gran Galà della Ginnastica

Share Button

Per chiudere il grande capitolo legato al Gran Galà della Ginnastica, capolavoro realizzato dalla Sezione Ginnastica del CUS Ancona, non poteva mancare l’intervista al numero uno della società biancoverde, il presidente David Francescangeli:
“Il Teatro delle Muse già di suo è un posto magico, però, appena aperto il sipario tutti noi siamo stati accompagnati in un’altra dimensione. Una dimensione che è molto più vicina al realizzabile di quanto purtroppo siamo rassegnati a non desiderare più. Una dimensione fatta di bellezza interiore, di sorrisi genuini, di serenità nonostante la fatica, di condivisione, di sudore versato con sacrificio ma tanta passione ed entusiasmo. Una dimensione a cui noi adulti non siamo più abituati e quindi non può non emozionarci ed incantarci. Aggiungo un’altra parola a mio avviso importante per descrivere questa esperienza. Parlo di riconoscimento. Se Univpm Università Politecnica delle Marche, Coni Marche e Comune di Ancona – Informacittà, oltre a patrocinare l’evento, sono presenti con i propri Rappresentanti (Delegato del Rettore, Presidente del CONI Marche e Sindaco di Ancona), questo testimonia che il lavoro che stiamo facendo con i più giovani, è riconosciuto come valido dal punto di vista sociale, educativo e sportivo contribuendo alla formazione della persona ancor prima che dell’atleta. Questo per me è un orgoglio personale e deve esserlo per tutto il CUS Ancona”
Non possono mancare i ringraziamenti per quanto prodotto: “Il primo ringraziamento va alle nostre 110 stelle che hanno messo tutto in gioco senza risparmiarsi mai e realizzando un grande sogno. Poi i nostri meravigliosi tecnici educatori, competenti, professionali, umani, instancabili. Eccoli: Ginevra Graciotti, Sara Quattrini e Giacomo Quattrini, Alessandro Garino, Silvia Alcidi, Roberta Ambrosi, Isabel de Angelis, Silvia Cama, Noemi Petraccini, Giulia Gigli e Debora Barontini (non me ne vorrà Frad Eugenia Morosanu se considero Debora anche un po’ nostra). Per ultima cito chi con grande abilità, passione e determinazione, pianifica e coordina tutta l’attività. Se devo abbinare un nome alla ginnastica cussina non può che essere il suo: Nadia Baldoni. Da poco più di zero a questo in soli due anni”
E quanto può ancora crescere questa sezione che sta regalando grandi soddisfazioni a tutto l’ambiente Cus: “Se in due anni abbiamo costruito attività di ginnastica artistica, ritmica e psicomotricità che coinvolgono 110 piccoli utenti (70 il primo anno quindi +60%), già questo ci dice che stiamo lavorando bene. Il lavoro con i più piccoli non si improvvisa e deve sempre essere fatto con programmazione, attenzione, professionalità, responsabilità e tanta tanta umanità ed umiltà. Non poniamo limiti alle prospettive di crescita. Cercheremo di migliorare gli impianti che abbiamo a disposizione (spogliatoi delle Persiani pronti per il collegiale di luglio), abbiamo attrezzature all’altezza del servizio che dobbiamo offrire, abbiamo Tecnici straordinari sui quali possiamo fare assoluto affidamento. Non ci manca nulle e se ci servirà altro spazio (ci servirà sicuramente) sono certo di trovarlo”
Cosa rende particolarmente orgoglioso il Presidente di tutto ciò ? “Lo stile con cui stiamo crescendo. Uno stile che non cerca conflitti con altre realtà, uno stile che mette al centro dell’attività la persona ed i rapporti umani tra atleta-tecnico-genitore. Uno stile che nel contesto che vi ho appena descritto lavora per una crescita tecnica e per raggiungere risultati sportivi sempre migliori, senza però ossessioni e ricordando che la vita richiede equilibrio…in tutto”

Ufficio Stampa Cus Ancona

Share Button