Calcio a 5 : A tu per tu con… Giacomo Florio

Share Button

Ogni notte, anche la buia, ha la sua alba. E anche per Giacomo Florio, al Cus Ancona da tre stagioni, questa alba è arrivata. Dopo aver condotto da capitano la formazione Allievi dello scorso anno alla conquista della Coppa Marche di categoria, nella seconda parte dell’anno è stato vittima di un bruttissima infortunio che l’ha costretto a guardare da fuori i suoi compagni vincere il Campionato Regionale e andarsi a giocare le Finali Nazionali. Dopo un inizio tribolato di stagione, ora è finalmente rientrato e l’ha fatto a modo suo, riprendendo a segnare sia in Juniores che in Under19 quando chiamato in causa

“Il mio stato d’animo attuale non può che essere dei migliori – racconta il pivot classe 2000 – Ovviamente dopo l’infortunio dell’anno scorso, dove non nascondo di essere andato giù di morale in un primo momento, tornare in campo è stato sempre il mio primo pensiero. Vedere la mia squadra vincere il campionato ed approdare alle fasi nazionali è stata come una spinta in più per me che mi ha dato la carica per concentrarmi e cercare un recupero ottimale. Attualmente, come ho detto all’inizio, sono felicissimo di stare qui e di essere tornato a vestire la maglia che tanto mi è mancata e di cercare di dare il mio contributo alla squadra”.

E domani, dopo qualche tempo, tornerà anche il derby con il Pietralacroce una gara molto sentita in città soprattutto a livello giovanile: “La partita di domani è diversa dalle altre. È un derby, non qualsiasi, ma penso il derby più sentito in Ancona per quanto riguarda il Calcio a 5. In queste partite non conta la situazione di campionato, che sia per noi che per loro è ottimale, ma conta solamente vincere. Mi ritengo veramente fortunato a poter vivere e poter giocare partite di questo tipo dove in palio c’è molto più dei semplici 3 punti ma c’è l’orgoglio e la voglia di dimostrare quanto si vale prima come uomini e poi come giocatori”.

Giocatore determinato ed ambizioso, elemento di sicuro affidamento del Settore Giovanile: “Per quanto riguarda le ambizioni personali sembra quasi scontato dire che approdare un giorno in prima squadra sia un sogno di qualsiasi giocatore del Cus Ancona. A livello collettivo stiamo lavorando e ci stiamo concentrando sul campionato. Affrontare al meglio il girone Gold che ci attende a gennaio sarà una prova difficile, ma che ci darà modo di vedere a che livello siamo e di confrontarci con le migliori squadre delle Marche. Quest’anno, come l’anno scorso, il gruppo è unito e compatto e lavora in un unica direzione che è quella delle finali di campionato. Infine volevo ringraziare tutto il Cus Ancona per la fiducia e l’affetto dimostratomi durante questi fantastici 3 anni in cui sono qui. In particolare volevo ringraziare i miei compagni dell’anno scorso, Peppe Gallozzi, Luca Donzelli e Daniele Paccamicio per il sostegno datomi durante l’infortunio e per essermi stati vicini veramente come una famiglia”.

Ufficio Stampa Cus Ancona

Share Button